Una fiaba per Agira - www.agyrion.it

Fiaba dedicata ad Agira trovata per caso su internet il 18/05/1999.

Esiste un paese, da qualche parte, a cui la storia ha riservato uno strano destino. Un paese come tanti altri, una piccola cittadina, un ranocchio di stagno inevitabilmente condannato a diventare principe di un regno fantasma. Agira sorge ( o sorgeva o non è mai sorta perchè è sempre esistita) in una valle che ne circonda l'estensione, un grande vaso pieno di case e uomini come di terra e fiori; vicino, troppo vicino alla valle, un grande corso d'acqua, testimone della sua nascita, quasi metafora di un tempo in continuo fluire, di cui non si scorge sorgente e foce ma solo rumoroso passaggio. Con Agira qualcuno ha voluto giocare il gioco del tempo, come solo mano d'uomo sa giocarlo in guerra e libri, il gioco di chi cambia le regole e scrive la storia senza capire che non ci sono regole, che non c'é storia. In poco più di un attimo di un anonimo giorno di Settembre un artificioso boato devia di colpo il corso del fiume verso la valle evacuata, sommergendo il luogo di mille possibili vite, le case di ricordi dei vecchi e i castelli in aria dei bambini; un boato di un attimo e poi un silenzio di secoli. Immemori del mito di Atlantide viviamo immersi nell'aria, vicino al cielo; di questo abbiamo imparato ad ammirarne la rassicurante incommensurabilità, con gli occhi coperti dal velo della riverenza. I nostri spazi sono scolpiti nell'aria o germogliano dalla terra, dominiamo lo spazio attraverso le misure dei nostri corpi e la gravità in fondo non ci fa paura anzi ci tiene per mano nelle nostre case. E' così lentamente dimentichiamo l'elemento di cui siamo composti, il fluido da cui fummo partoriti con dolore, quello che seppe darci vita più di qualunque respiro, quello che seppe conservare latente la nostra probabile esistenza e confortare un attesa di millenni; abbiamo dimenticato le musiche di madre acqua anche se i più attenti ne riescono a cogliere ancora l'aspro profumo sulla riva di qualche mare invernale. Ad Agira puoi camminare nel luogo che, senza saperlo, hai sempre desiderato conoscere; puoi fare breccia nel tuo corpo e sentire l'acqua, che peraltro hai dentro, scorrere tra acqua, in un silenzio denso di sussurri, perché la tua vera voce é un sussurro, difficile da ascoltare nel frastuono del mondo, e tu, senza saperlo, lo hai sempre creduto. Agira é il ventre, forse l'ultimo paradiso. Ad Agira nulla ha senso, o forse tutto ha il senso che vuoi dargli; tranne le case, queste mantengono il senso che credevano di avere una volta, mantengono il senso del loro passato, la traccia di un origine ormai impossibile da datare. Sono vecchie e giovani insieme le case di Agira, hanno porte e finestre e altezze diverse, come nel mondo d'aria, ma nulla ti impedisce di varcare la soglia di una finestra, camminare su un tetto spiovente, o scalare una parete d'alabastro con grazia di sirena. Ad Agira non c'é il dolore delle cadute, non c'é il sonno della stanchezza. Si dice che talvolta Agira sia nuovamente riempita d'aria, questo non é molto bello per lei, ma forse, in quel momento, puoi vederla anche tu che non credi alle mie parole di viaggiatore; stupisciti, dunque, se non vuoi credere che esista una città immersa sul fondo di un lago, continua pure a respirare la tua aria, ma ricorda ogni qual volta il sudore bagnerà le tue labbra e scioglierà i tuoi pensieri che c'é un Agira in ogni esistenza non da tirare fuori ma in cui immergersi a fondo.


Home | Contatti | Disclaimer | Sito partner
www.agyrion.it 94011 Agira (Enna) scrivi al webmaster